Colli al Metauro: tre borghi in un unico comune da vedere in un weekend con gli occhi di un local

Colli al Metauro: tre borghi in un unico comune da vedere in un weekend con gli occhi di un local

La rubrica “Con gli occhi di un local” procede con Valentina, travel blogger di “Una marchigiana in viaggio” che ci porterà alla scoperta di tre borghi marchigiani dove trascorrere un weekend.


Oggi vi porto alla scoperta di un Comune della Provincia di Pesaro e Urbino, in cui potrete trascorrere un weekend di relax, si tratta di Colli al Metauro, che racchiude tre borghi bellissimi, quello di Montemaggiore, Saltara e Serrungarina, tutti ricchi di bellezze artistiche, ma anche di prodotti tipici del territorio che potrete portare a casa come gustoso ricordo.

MONTEMAGGIORE AL METAURO

La visita potrebbe partire da Montemaggiore al Metauro, un borgo antico, in cui i panni stesi al vento, il profumo di arrosto, le tende scostate ai lati delle finestre per fare entrare più luce, sono segni di un piccolo centro storico abitato, in cui il tempo sembra essere sospeso.

Se si arriva da Calcinelli, il castello domina dall’alto della sua posizione, incastonato nel cielo, quasi fosse un dipinto. Sulla via principale del paese, ospitato nella ex chiesa di Santa Maria del Soccorso, si trova il Museo del Fiume che raccoglie le testimonianze del passaggio di Winston Churchill in questo territorio.

Per maggiori informazioni, cliccate qui.

Questa è anche terra di buon cibo e buon vino. Qui, infatti, si diffuse e si impose sin dal 500 a.C. un vitigno denominato Bianchello che è DOC. Si tratta di un vino molto piacevole grazie all’esposizione delle vigne. Mi hanno detto che le pendici esposte a Sud e Sud/Ovest nelle medie e basse colline che dai contrafforti appenninici digradano al mare sono le più vocate alla coltivazione di questo vitigno.


POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE GLI ALTRI ARTICOLI DI CON GLI OCCHI DI UN LOCAL


SALTARA

Come seconda tappa del tour propongo Saltara. Le mura racchiudono il cuore del borgo fatto di scalini, discese, piccole vie progettate ad hoc in epoca medievale per scappare con più facilità in caso di attacchi.

Ciò che colpisce di questo borgo apparentemente simile a tanti è il suo racchiudere in una così piccola dimensione, tante perle preziose: gli antichi mercati coperti, quasi unici in Italia, il giardino pensile, le mura dove un tempo si giocava al gioco del bracciale, le chiese, un tempo numerosissime.
A questo proposito la Chiesa del Gonfalone, recentemente restaurata, ha attirato l’attenzione del critico d’arte Vittorio Sgarbi che le ha fatto visita, soffermandosi ad ammirarne e fotografarne le bellezze.

Forse non tutti sanno che Saltara ospita anche uno dei più grandi musei della scienza in Italia, Il Museo del Balì, un museo interattivo che conta ogni anno la visita di 40.000 persone. Se vorrete maggiori informazioni sul museo, orari di apertura e altro, visitate il loro sito web.


SERRUNGARINA

Terza ed ultima tappa di questo weekend slow, è Serrungarina, anche questo un borgo di piccole dimensioni delimitato da una rocca, imponente struttura muraria realizzata nell’epoca del dominio dei Malatesta.
Visitando Serrungarina si può ammirare la suggestiva scalinata all’interno della rocca, la cisterna malatestiana e la chiesa di S. Antonio abate con i dipinti del Guerrieri.


Grande specialità di questo territorio è la coltura della pera angelica che fa di Serrungarina l’unica produttrice a livello nazionale di questo gustoso frutto, riconosciuta da un decreto ministeriale del maggio 2001 come prodotto agro-alimentare tradizionale.
In questo territorio la coltivazione è comprovata dagli inizi del Novecento ed oggi alcuni produttori raccolgono tra la fine di agosto e gli inizi di settembre una produzione selezionata, unica a livello nazionale, utilizzata per gustose preparazioni oppure destinata alla produzione di marmellate, pere sciroppate e grappe, oltre che di un’acquavite di Pera Angelica.
Per avere maggiori informazioni sul Comune di Colli al Metauro, potete visitare il sito web.

Spero di avervi incuriosito a tal punto da voler correre a preparare le valigie per trascorrere qualche giorno

in questi tre borghi marchigiani, in cui tradizione, grande cultura enogastronomica e ritmi di vita che sembrano essersi fermati ad epoche passate, hanno la meglio sulla frenesia della normale routine settimanale.


Se volete contattarmi, lasciarmi i vostri consigli, raccontarmi le vostre testimonianze, scrivetemi a: 📧 marchigianainviaggio@libero.it

Potete trovarmi nel mio sito www.unamarchigianainviaggio.blogspot.it …e nei social:

Instagram @una_marchigiana_in_viaggio

Facebook: Una marchigiana in viaggio – Travel Blog

Twitter: @pierucci_v

Google + : Una marchigiana in viaggio

You Tube: Una marchigiana in viaggio


Potrebbero interessarti anche:


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *