Home » Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

2 commenti

Se vi state chiedendo come organizzare un viaggio in Asia in estrema autonomia allora questo articolo fa al caso vostro. Ecco tutte le informazioni utili


Una delle domande che mi viene fatta più spesso delle altre, complici le mie origini filippine,  riguarda il “come organizzare un viaggio fai da te in Asia”. Preparare un viaggio da soli non è da tutti ma richiede curiosità, tanta pazienza nel fare ricerche online. Last but not least, per organizzare un viaggio fai da te in Asia, è necessario entrare nel mood asiatico: le popolazioni asiatiche, me compresa, hanno un modo di concepire la vita in modo più lento e rilassato. In altre parole, generalmente noi asiatici prendiamo la vita così come viene senza troppe preoccupazioni.

Quelli che seguono sono suggerimenti per tutti: per chi sta per organizzare il suo primo viaggio per la prima volta in Asia; ma anche per chi è già esperto e vuole controllare di aver pensato a tutto. 

Vi parliamo dei 10 passi che devono essere eseguiti (non necessariamente in quest’ordine) per organizzare un viaggio fai da te in Asia.

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.


1) SCEGLIERE LA/LE DESTINAZIONE/I IN ASIA

La prima cosa da fare per organizzare un viaggio fai da te in Asia, è decidere quale dovrà essere l’itinerario e, di conseguenza, quali città visitare. Questo è il passaggio più difficile, ma superata la fase della decisione della meta sarà tutto in discesa. Te lo assicuriamo. 

Come decidiamo la meta? I fattori che influenzano la nostra scelta tra i paesi dell’Asia sono:
– la curiosità.

– periodo dell’anno.
– Sicurezza del paese.
– il prezzo (di questo ve ne parleremo allo step 2).
– il tempo a disposizione.

Alcuni di questi fattori, come la curiosità o il tempo a disposizione, sono molto personali. Proprio per questo vi parleremo degli altri due. 

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

 

 


1A) INFORMATEVI SULLA SICUREZZA DEL PAESE ASIATICO

Per prima cosa informatevi bene sulla sicurezza del paese a cui vorreste fare una visita. 

L’Asia è un continente sicuro ma, prima di scegliere una destinazione, vi consigliamo di dare un’occhio al sito di viaggiare sicuri. Qui dovete selezionare il paese scelto e leggere tutte le informazioni sulle zone da evitare. 

Una nostra amica lo ha consultato prima di andare a Bali. Dovete sapere che vicino all’isola di Bali, si trovano le isole Gili famosissime per l’acqua cristallina. Grazie a questa lettura non è andata alle isole Gili, evitando la catastrofe dell’Agosto 2018.

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.


1B) INFORMATEVI SULLA STAGIONE MIGLIORE IN BASE ALLA ZONA DELL’ASIA

Una volta che si innesca la curiosità verso un paese, una delle prime cose che facciamo è capire qual è il periodo migliore per andare proprio lì. È molto importante, informarsi sul periodo migliore in Asia per non imbattervi in brutte sorprese (specialmente se state pensando di fare una bella vacanza al mare). 

Ciascun paese asiatico ha un periodo ottimale, indicato in tutte le guide di viaggio. Visto che vogliamo darti una mano, ti elenchiamo i migliori periodi dell’anno in cui andare in alcuni dei principali paesi asiatici (basato su guide di viaggio ma ti consigliamo di approfondire con tue ricerche).

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

I migliori periodi dell’anno per i principali paesi asiatici

Periodo migliore per andare in Thailandia: Varia di zona in zona ma generalmente, la stagione migliore è da Novembre a marzo.

Periodo migliore per andare in Birmania va da Novembre a Febbraio. Da metà Febbraio in poi comincia il caldo. Aprile che è il mese più caldo dell’anno.

Periodo migliore per andare in Cambogia: la stagione secca che va da Novembre a Maggio.

Periodo migliore per andare in Laos la stagione asciutta da Novembre a Gennaio. Il periodo sconsigliato per viaggiare in Laos è da Marzo a Maggio (caldo insopportabile anche per i locali).

Periodo migliore per andare in Vietnam: per andare in Vietnam non esiste un periodo migliore di un altro. Quando una regione è troppo piovosa o calda, c’è sempre un’altra zona con clima sereno. Controllate le zone a cui siete interessati.

Periodo migliore per andare a Singapore: il tempo è sempre caldo, umido e piovoso tutto l’anno. Da Novembre a Maggio è particolarmente piovoso.

Periodo migliore per andare in Indonesia: visitare l’Indonesia è da Maggio a Settembre.

Periodo migliore per andare a Bali (Indonesia): coincide con la nostra estate. Da fine aprile a settembre/ottobre.

Periodo migliore per andare nelle Filippine: periodo da Dicembre a Febbraio.

Periodo migliore per andare in Cina: La primavera (marzo-maggio) e l’autunno (settembre-novembre) sono il periodo migliore.

Periodo migliore per andare in Giappone: Durante l’inizio della primavera o nel tardo autunno.

Periodo migliore per andare in Sri Lanka: da dicembre a marzo sulle coste occidentali, meridionali e sulle montagne; da maggio a settembre sulla costa orientale.

Periodo migliore per andare in India: per un tour completo è tra ottobre e marzo.


2) PRENOTARE IL VOLO PER L’ASIA

Hai già deciso la tua destinazione? Bene, il prossimo step per organizzare un viaggio in Asia è schiacciare il tasto “prenota”. Quando vuoi organizzare un viaggio fai da te, per favore NON affidarti ad un’agenzia di viaggi!. Spenderesti soldi in più, che potresti risparmiare per utilizzarli in tantissime cose: infatti, in Asia con pochissimi euro puoi fare tantissimo!. 

Vi consigliamo di utilizzare dei siti che vi permettono di confrontare decine di compagnie aeree, per risparmiare tempo e soldi. Noi usiamo sempre Skyscanner perchè ci permette di utilizzare la funzione di multitratta (in caso di più destinazioni), e/o scegliere come destinazione “Ovunque” in momenti di forte indecisione. 

Vi consigliamo di non comprare i primi voli aerei che trovate. Cercate e ricercate in diversi giorni perché vengono pubblicate diverse offerte sul web ogni giorno.

Inoltre, se prenderete volo con uno scalo potreste risparmiare tantissimi soldi.

Per prenotare volo verso la destinazione asiatica dove vorrete recarvi, vi consigliamo di partire con largo anticipo. Questo vi permetterà di risparmiare diverse centinaia di euro. 

Se ancora non avete delle date specifiche, inserite delle date approssimative per rendervi conto di due cose:
1) quali sono le compagnie più convenienti
2) qual è la combinazione di date più economica (Sì, cambiando le date cambia anche il prezzo).

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

LE COMPAGNIE AEREE ASIATICHE SONO SICURE?

Se avete timore di volare con compagnie asiatiche, vi possiamo assicurare che quest’anno è uscita la classifica delle migliori compagnie aeree. La migliore compagnia aerea low cost al mondo è Air Asia. 

Noi voliamo sempre con Air Asia, Cebu Pacific (Filippina) e Philippines Airlines (filippina). Ci siamo trovati benissimo. 

I voli interni da un paese asiatico all’altro costano molto poco ma anche qui vale la stessa regola: prenotate in anticipo sempre.


3) ABBI CURA DELLA TUA SALUTE: 


Alcuni prendono questo step sottogamba. Non fatelo. Ogni viaggiatore merita di portare a casa dei ricordi belli, e non souvenir di viaggio evitabilissimi come la febbre gialla. Il fatto che un vostro amico non abbia contratto nessuna malattia sia partito senza assicurazione medica, non significa che si sarà lo stesso per te. Se hai intenzione di organizzare un viaggio fai da te in Asia, o in qualsiasi continente del mondo, assicurati di avere cura della tua salute.

 

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

3A) INFORMATI SULLE VACCINAZIONI NECESSARIE

Ogni volta che vai all’estero, a prescindere dal continente scelto, dovresti guardare il sito della Farnesina (www.viaggiaresicuri.it). Qui puoi trovare tutte le nozioni utili per le scelte di viaggio responsabili: selezionando lo stato interessato nella tabella di sinistra, compaiono le informazioni generali, sulla sicurezza, sulla situazione sanitaria e sulla mobilità. 

Vaccini per l’Asia: la nostra esperienza 

Per i nostri viaggi in Asia (Filippine, Thailandia, Malesia, Bali e Singapore), abbiamo preferito affidarci all’AUSL della nostra città. Prenotate con largo anticipo un appuntamento. Abbiamo avuto un colloquio di coppia riguardo al nostro viaggio, dove la dottoressa ci ha chiesto le zone che avremmo visto in viaggio. In base alle destinazioni e al nostro libretto elettronico delle vaccinazioni (hanno tutto in formato digitale negli archivi dell’USL o AUSL), ci ha prescritto i vaccini obbligatori. Nel caso dell’ultimo viaggio abbiamo fatto quella contro l’Epatite A e Tifo (malattie provocate dalla somministrazione di cibi e bevande infette). L’epatite A si fa tramite puntura e quello al Tifo consiste in 3 pillole da prendere a giorni alterni. Nessuno dei due ci ha provocato effetti collaterali o disturbi. 

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

 

3B) FAI UN’ASSICURAZIONE MEDICA

Spesso vediamo e sentiamo nostri coetanei prendere sottogamba questo argomento. 

Questo fregarsene è legato al fatto che in Europa diamo per scontato la sicurezza e il sostegno sanitario: infatti, in momenti di bisogno, tiriamo fuori la tessera sanitaria e siamo a posto. Voglio darvi una “brutta notizia”: questo avviene perché abbiamo un sistema sanitario gratuito pubblico (e la convenzione Schengen che estende convenzioni sanitarie anche nei paesi europei). Questo non è valido negli altri continenti come l’America e l’Asia. Negli Stati Uniti è obbligatorio stipulare un’assicurazione medica anche per viaggi di pochi giorni; mentre in Asia non è richiesta per legge ma ciò non fa rima con “fregarsene”. 

Io ci tengo particolarmente a questo step perché ho origini filippine. Questo significa che so esattamente, come possano arrivare facilmente cifre esorbitanti da pagare per una semplice visita. Noi in Europa non vedremo (per fortuna) mai queste cifre. Voglio aprirvi gli occhi facendovi un esempio. 

Nelle Filippine, come il resto dell’Asia, negli ospedali ed ambulatori dovrete pagare una cifra che comprende la tariffa oraria del dottore, delle infermiere, la tipologia di stanza (se singola o con altri pazienti), la presenza di aria condizionata, l’elettricità utilizzata dall’ospedale per il tuo ricovero e il cambio delle lenzuola (no, non sto scherzando. Era compreso nello scontrino tra gli ultimi ricoveri dei miei nonni in Filippine).

Ragazzi, ve lo diciamo con il cuore in mano: regalatevi ricordi belli di viaggio e non souvenir di momenti di panico da dimenticare. 

La sicurezza e la salute non sono un’optional. 

Prevenite pagando una cifra che sembra essere microscopica rispetto a uno scontrino a più zeri. Magari non capiterà nulla, ma in caso di necessità, vi tirerà fuori da momenti davvero spiacevoli.

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

L’assicurazione viaggio è fondamentale per due aspetti: assicurazione medica e sanitaria e furto, perdita o danni materiali al bagaglio, cancellazione del viaggio o ritardo aereo. Abbiate cura di scegliere sempre un’assicurazione che copra direttamente e immediatamente le spese sanitarie (in questo caso, tu non devi pagare nulla in caso di visite mediche o ricoveri). Alcune assicurazioni non prevedono il pagamento diretto ma solo il rimborso in un secondo momento (sei tu a sostenere le spese inizialmente e poi te le rimborsano).

Per questo viaggio ci siamo rivolti e stipulato una polizza assicurativa ad InterMundial, che è tra le migliori compagnie assicurative per viaggi di questo tipo.

Puoi utilizzare il nostro codice BLOGGERIM, per ottenere uno sconto del 10% sulla tua polizza assicurativa InterMundial. Per usufruirne basta inserirlo nella casella apposita, appena prima di procedere al pagamento.

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

3C) REGISTRATI SU “DOVE SIAMO NEL MONDO”

L’ultimo step che facciamo sempre, a prescindere dal continente di destinazione, è la registrazione su “Dove siamo nel Mondo”, un sito realizzato dal nostro Ministero degli Affari Esteri e dalla Cooperazione internazionale. 

A cosa serve? In caso di grave emergenza (calamità naturali, attentati, evacuazioni), il ministero degli affari esteri e la cooperazione internazionale possono pianificare il soccorso con rapidità. Questo vale per ogni continente che visitate. Potete registrare il vostro viaggio non prima di 30 giorni dalla partenza. Al vostro ritorno, i dati saranno cancellati dopo 2 giorni.


3) PRENOTARE ALBERGHI IN ASIA

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

Tra i vari step per organizzare un viaggio fai da te in Asia, è quella più divertente per noi. Sì, perché scegliamo quella che sarà la nostra “casa” per qualche giorno. 

In Asia – a parte rare eccezioni (come Singapore che è la città più cara al mondo) – le strutture di lusso sono molto accessibili così come ci sono soluzioni low cost. Il nostro consiglio, sia per dormire che per mangiare, è sempre di valutare la propria sicurezza di fronte a prezzi stracciati.

Dovete solo adeguare le vostre scelte alle vostre possibilità economiche e gusti: potete scegliere tra un ostello con camera privata o condivisa, un appartamento intero, una camera in una casa condivisa, un B&B o un Hotel. 

Per noi, ci sono alcuni criteri che un albergo/hotel deve avere:

  • Pulizia
  • Bagno privato (intransigenti su questo)
  • posizione
  • prezzo

Ci sono tantissimi siti web per la prenotazione fai-da-te dei pernottamenti ma il nostro preferito in assoluto è Booking. Questo sito offre spesso codici sconto.

Booking.com

 


4) DOCUMENTI NECESSARI PER L’ASIA

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

VISTO

Innanzitutto, devi controllare se il visto serve per accedere al paese di destinazione.
Se serve il visto, parti con estremo anticipo. La burocrazia ha sempre tempistiche originali. 

PASSAPORTO

Ricordatevi che dovete avere un Passaporto che sia valido almeno 6 mesi. Scriveremo un articolo su come fare il passaporto, passo per passo, a breve.

PATENTE INTERNAZIONALE

Se intendi noleggiare un’auto, un motorino o un veicolo, la patente internazionale è obbligatoria. Ti spieghiamo meglio nel paragrafo 7 “Spostamenti interni”.

Cliccando qui, puoi trovare tutte le informazioni utili per fare la patente internazionale.


5) CREA ITINERARIO 

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

Una delle cose che più stupisce chi sta per organizzare un viaggio in Asia (in particolare nel sud est asiatico), è il fatto che il sole tramonta molto presto (alle 18 circa è già sera).  Vi dico questo perché può essere utile nella programmazione giornaliera delle attività.

Per creare l’itinerario, devi partire da una domanda “Cosa intendi fare durante il viaggio?”. Se intendi visitare culturalmente la destinazione, calcola bene le tempistiche che ci vogliono. Se invece vuoi un compromesso tra relax e visite, tienine conto. Per es. una mia amica andrà a Bali, e desidera fare metà giornata culturale e metà al mare e in piscina. Di conseguenza, ha spalmato le visite culturali durante la mattina, tenendo conto degli orari). Sulla base di quanti giorni hai, valuta bene come spalmare le varie attività.

Suddividi le attività da fare contando il traffico. Te lo dirò mille volte ma quando guardi le tempistiche necessarie dei trasporti secondo google maps, moltiplicalo per due. Per esempio, se per arrivare in un certo posto google maps suggerisce 10 minuti, calcolane 20.


6) PRENOTARE ESCURSIONI ED ATTIVITÀ, IN ASIA, DA CASA: SI O NO?

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

A parte paesi che lo richiedono esplicitamente (come la Cina), non è obbligatorio fare le prenotazioni da casa su tutti i musei ed attrazioni che visiterete.

Vi consigliamo di prenotare da casa solo le attrazioni più famose delle grandi città (per esempio, i biglietti per le Petronas Tower all’orario del tramonto vanno a ruba). 

Per le escursioni (per esempio, attività da fare sulle isole) non organizzare niente in anticipo qui ma fai le prenotazioni in qualche agenzia di viaggio locale una volta arrivati. In questo modo risparmierai tanto. Per esempio, noi andremo a Bali e servono i driver per girare l’isola. Se prenoti da qui chiederanno 50 Euro, prenotando con agenzia locale richiedono 20 Euro.
30 euro di differenza che, con il cambio valuta, sono tantissimi se confrontati con il costo della vita.


7) SPOSTAMENTI INTERNI IN ASIA

Se è il tuo primo viaggio in Asia, allora da asiatica te lo voglio dire: la parola chiave è “porta pazienza”. Per gli spostamenti via terra, soprattutto nelle città grandi, il traffico è il migliore amico degli abitanti. Se vedi su Google maps il tempo impiegato, raddoppialo per sicurezza.

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

TAXI IN ASIA

In Asia, i taxi costano veramente pochissimo: potrete andare da una parte della città fino a quella opposta con prezzi bassissimi. 

Se prendi il taxi, richiedi prima di salire di accendere il “taximeter” (il tassametro). Questo tassametro, ti permette di avere una cifra totale basata sui km percorsi. Dovrebbe essere sempre acceso ma non sempre è così. Ci sono alcuni tassisti (non tutti), che potrebbero vederti come un pollo da spennare, e lasciano il taximeter volontariamente spento. Questo perché, una volta arrivati a destinazione, ti proporranno un prezzo elevato senza accendere il tassametro.

 

GRAB & UBER IN ASIA

Noi adoriamo questi servizi

Se preferisci, puoi utilizzare Grab (la sorella asiatica di Uber) & Uber: si tratta di due servizi in cui persone mettono a disposizione la propria macchina personale per fare da autisti. Basterà selezionare la destinazione e il luogo di partenza, e verrà subito scritto il totale da pagare per la tratta. Una volta prenotato, il tragitto è controllato da app. Lo utilizziamo molto perché “protegge” dai tassisti che tentano di fare i furbi.

 

NOLEGGIARE UN MEZZO IN ASIA 

Per quanto riguarda il guidare in Asia, dovete assolutamente fare la patente internazionale. Alcune compagnie di noleggio vi affitteranno lo stesso il veicolo anche senza patente, ma è molto pericoloso per voi. Sì, perché se noleggiate, e fate un incidente, anche minimo, l’assicurazione non vi coprirà senza patente internazionale. Per avere tutte le informazioni su come fare e i costi della patente internazionale, vi rimandiamo a un nostro precedente articolo.

Da asiatica, mi sento di dirvi di valutare attentamente se vi sentite di guidare qui: la guida in Asia è “sportiva” e “creativa” (non trovo altri termini per descriverveli ma penso che renda l’idea). Noleggiate un veicolo solo dopo aver osservato il traffico e le modalità di guida.

Per spostamenti lunghi, vi consiglio di utilizzare aerei, quando possibile, o bus (se sono distanze minime).


8) SOLDI IN ASIA

Quanto devo cambiare per un viaggio in Asia?


Guardate bene sempre i costi della vita. Il costo della vita in Asia è sicuramente molto più basso rispetto al nostro. Con pochi euro mangerete piatti tipici e super abbondanti. Un esempio? In Thailandia, abbiamo mangiato con 1,20 euro per un piatto abbondante di pad thai.

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

Dove devo cambiare i soldi in Asia? 

Non cambiate troppi soldi in aeroporto all’arrivo

Non conviene mai. 

In aereoporto, cambiate i soldi sufficienti per pagarvi il trasporto verso l’albergo. Una volta arrivati in hotel, chiedete alla reception dove poterli cambiare. Alcuni hotel hanno il cambio valuta proprio al loro interno. 

Ogni negozio di cambio valuta ha un simbolo in particolare che indica la legalità del posto. Alcune persone, in diversi continenti, sono state avvicinate da persone che offrivano un cambio super vantaggioso in assenza di un vero e proprio negozio fisico. Se succederà a voi, non accettate perché non è legale e potrebbe trattarsi di soldi finti. 

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

Dove posso prelevare in Asia?

Se stai organizzando un viaggio fai da te in Asia, devi sapere che non troverai ovunque un bancomat dove prelevare, soprattutto nelle isole. Prima di uscire dalle grandi città, prelevate sempre un quantitativo di soldi sufficiente.


9) SCHEDA TELEFONICA E WIFI IN ASIA

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.

Noi personalmente, viaggiamo e ci colleghiamo a wifi portatile di Tep Wireless. In questo nostro articolo, avrete informazioni da sapere sul Tep Wireless.

Ci sono diverse app per trovare wifi a cui attaccarsi nelle città grandi.

Se desiderate mantenere la SIM italiana ed attaccarvi gratuitamente ai vari Wi-fi sparsi per la città, togliete la funzione “roaming dati”. In questo modo, non scatterà il piano tariffario previsto in quel paese.

Solitamente, nella sezione degli arrivi in aereoporto, si trovano degli stand dove potrete acquistare la vostra scheda telefonica. 

Informatevi se esiste un piano telefonico pensato per turisti: infatti, in alcuni paesi come Singapore, hanno ideato proprio una scheda telefonica esclusivamente per i turisti.

Tranquillo, se in viaggio cambierai la scheda telefonica puoi mantenere su Whatsapp il numero italiano (anche se hai una sim diversa) e la rubrica.


10) PREPARATI FISICAMENTE E PSICOLOGICAMENTE:

Se stai organizzando un viaggio fai te in Asia e hai seguito tutti i 9 passi, sei a metà dell’opera.

No, tranquillo, non devi fare altro se non dialogare con te stesso. Infatti, l’ultimo step da fare (e il più importante) è la preparazione fisica e mentale. Un viaggio nel Sud Est Asiatico è un’esperienza che ti cambia la vita perché la osserverai con occhi diversi. Dopotutto, non è per questo che viaggiamo? Per mettere in tasca insegnamenti e lezioni grazie ai viaggi.

Organizzare un viaggio in Asia in 10 passi.


CONSIGLI PRATICI PER UN VIAGGIO FAI-DA-TE IN ASIA

Controllate sempre: 

  • la moneta (cambio valuta più conveniente)
  • presa della corrente
  • cibo tipico
  • locali da non perdere
  • situazioni meteorologiche

In collaborazione con Intermundial

You may also like

2 commenti

mickey Settembre 18, 2019 - 4:15 pm

complimentoni. In pilipinas ci siamo stati 6 o 7 volte. Cmq faccio difficoltà per il clima ( e i soldi),mentre mia figlia ha un sogno nel cassetto:Japan

rispondi
Angelica & Christian - Destinazione mondo 20 Settembre 18, 2019 - 4:28 pm

Il Giappone deve essere meraviglioso.
Per le filippine siamo di parte perché metà del blog viene proprio da lì.
Quindi, appena le sentiamo nominare, ci batte forte il cuore.
Vi sono piaciute le Filippine? 🙂

rispondi

Lascia un commento