7 Curiosità sugli asiatici di cui ignori l’esistenza

7 Curiosità sugli asiatici di cui ignori l’esistenza

Come mai in Asia gli asiatici usano l’ombrello anche se c’è il sole e non piove? In quali paesi si mangiano gli insetti? Nelle Filippine si mangiano? Perché gli asiatici non abbracciano? Nelle filippine usano le bacchette? Ecco tutta la verità e le risposte alle domande che ti poni spesso ma poi non fai mai.


Molte persone approfittando del mio essere metà italiana e metà filippina iniziano a porgermi mille domande sullo stile di vita e sulle abitudini dei filippini e sull’Asia in generale.

La cosa più buffa è che iniziano a chiedere informazioni improvvisando un “Non vorrei offenderti ma vorrei chiederti una cosa”.

Tranquilli ragazzi, la curiosità è una delle mie caratteristiche principali ereditate dalla cultura filippina e, proprio per questo, ho raccolto tutte le domande più strane che mi avete posto per darvi una risposta.


IN QUALI PAESI SI MANGIANO GLI INSETTI? NELLE FILIPPINE LI MANGIATE?

Non ho ancora visto dal vivo persone mangiare insetti ma, nel mio viaggio in Thailandia, incuriosita da una folla gremita riunita davanti a un banchetto mi sono fatta avanti e mi sono imbattuta in spiedini fatti da insetti di ogni genere.

Alla loro vista, un lungo brivido freddo mi ha attraversato la schiena perché io sono una di quelle persone che quando vede un’ape o una cimice inizia a impallidire (entro certi limiti visto il mio colorito) e a chiamare i soccorsi. Ovviamente ringrazio il soccorritore denominandolo mio eroe e cavaliere della tavola rotonda di fiducia.

Senza divagare, vi rassicuro che nelle Filippine non mangiano gli insetti ma hanno un unico cibo che disgusta gran parte della popolazione stessa: ve ne parlerò in un prossimo articolo.


PERCHE’ GLI ASIATICI PORTANO GLI OMBRELLI QUANDO C’E’ IL SOLE E NON PIOVE?

Ogni continente ha la propria cultura di bellezza. In Italia, il prototipo di bellezza si traduce in pelle abbronzata e si ricorre spesso alle lampade per ottenere il colorito estivo che difficilmente si ha naturalmente durante stagioni in cui il sole è troppo pallido.

In Asia, il prototipo di bellezza è totalmente opposto.
Sì, signore.
Un’asiatico è bello se ha la pelle B-I-A-N-C-A.

Nella terra baciata perennemente dal sole e dall’estate che non scivola mai vita, per ottenere il colorito bianco si ricorre ai saponi sbiancanti e, per quanto riguarda le donne, al trucco con fondotinta di una tonalità più chiara o al borotalco.

Diversi familiari mi hanno rincorso con il borotalco nel mio viaggio di quest’estate.
Non sto scherzando.
True story.

La prossima volta che andrete in giro in Asia, fate attenzione ai cartelloni pubblicitari: sono tutti modelli o attori in modalità bianco cadavere on. Più bianco sei, più bello sei.

 

Questo potrebbe essere riconducibile al fatto che in Asia, chi svolge lavori umili spesso lavora all’aria aperta e, pertanto, una pelle scura potrebbe suggerire povertà e fatica.

Proprio per questo gli asiatici non andranno mai in giro senza un ombrello per proteggersi dall’effetto abbronzante del sole asiatico.


PERCHE’ GLI ASIATICI AL MARE INDOSSANO VESTITI MENTRE FANNO IL BAGNO?
E PERCHE’ STANNO ALL’OMBRA DELLE PALME LA MAGGIOR PARTE DEL TEMPO?

La risposta è già stata spoilerata alla domanda precedente: non vogliono abbronzarsi perché non è bello.

A te che stai leggendo sembrerà troppo strano ma tu preferiresti essere bianco latte oppure abbronzato? È tutta questione di cultura.

Proprio per questo fanno il bagno vestiti con magliette e shorts perché noi asiatici tendiamo a prendere il sole anche solo camminando.

Oltre alla questione di bellezza, in alcuni paesi il rifiutarsi di indossare un bikini è legato alla religione e alle usanze.


 “USATE TUTTI LE BACCHETTE WOW!
MA COME FATE?!”

Ehm… non esattamente.

Nella maggior parte dell’Asia si utilizzano bacchette ma nelle Filippine scoppieranno a ridervi in faccia se lo chiederete.

Già, noi non le abbiamo mai usate né viste perché siamo stati colonizzati dagli spagnoli dai quali abbiamo ereditato le posate europee.
Prima ancora dell’arrivo degli spagnoli, si usava mangiare con le mani… cosa che ancora i filippini fanno!


GLI ASIATICI PARLANO INGLESE O NO?

La maggior parte della popolazione di diversi paesi asiatici non parla l’inglese. Ciò è visibile soprattutto in Giappone o in Thailandia dove, nonostante il turismo sia un termine comune nel loro vocabolario, non parlano una singola parola (a parte rari casi legati al lavoro svolto).

Al contrario, come spiegato in articoli precedenti, nelle Filippine ciascuna città ha il proprio dialetto composto da spagnolo, filippino e inglese e la lingua unificante è l’inglese.

Chi segue Pechino Express avrà notato che anche i bambini filippini sanno bene l’inglese: ciò è legato alla lingua e, proprio per questo, i programmi tv, cartoni animati, programmi tv filippini sono tutti in inglese o comunque in filippino che si alterna all’inglese in maniera interscambiabile.


LA CULTURA DEL FUNERALE

In Asia il colore del lutto non è nero come nell’emisfero occidentale ma bensì è bianco. Inoltre, in alcuni paesi asiatici come nelle Filippine si tende ad immortalare momenti del funerale – comprendendo anche la bara ed il defunto – per fare foto di famiglia da conservare come ultimo ricordo.  Nel mio paese di origine, la veglia dura molto di piu’ rispetto alle nostre usanze: una settimana o anche piu’. A tal scopo, i morti vengono imbalsamati e posti dentro ad una camera ardente ampia e piena di sedie. Durante questa settimana, si pranza e si cena con tanto di Karaoke per onorare il morto nella camera ardente.


IN ASIA SONO PIÙ APERTI MENTALMENTE
CON LE PERSONE LGBT

Nonostante l’apparenza tradizionalista, nella maggior parte dei paesi del continente del Sol Levante, sono molto più aperti con le persone di orientamento sessuale gay, lesbica, bisex e transessuale.

Soprattutto i transessuali sono spesso personaggi iconici centrali per un programma tv.

L’Europa e l’Occidente è arrivata (forse) ad un’apertura solo negli ultimi anni mentre in Asia hanno dato spazio molto prima.

Purtroppo non si è ancora arrivati al riconoscimento di un matrimonio tra persone dello stesso sesso ma nella società sono molto ben accetti e mai emarginati.


SONO INFASTIDITI DAL CONTATTO FISICO

Non sapete quanto ho sofferto nel vedere i concorrenti di Pechino Express abbracciare, stritolare e baciare i local che incontravano!

Personalmente, essendo cresciuta in Italia, sono abituata ad abbracciare e salutare con bacini amici. Purtroppo, quando torno nelle Filippine mi scordo qualche volta che non sono abituati al contatto fisico! Nello specifico, ci sono paesi meno calorosi da questo punto di vista rispetto alle Filippine ma, personalmente i primi giorni chiedo sempre “Posso abbracciarti o baciarti?” quasi come ad avvertirli.

Fatelo anche voi.
Apprezzeranno molto di piu’ senza doversi allarmare su cosa stia accadendo esattamente.


Queste sono alcune delle domande che mi pongono maggiormente amici, conoscenti e lettori.

Tu conoscevi queste curiosità?
Ne hai altre?

33 pensieri riguardo “7 Curiosità sugli asiatici di cui ignori l’esistenza

  1. Gli ultimi due punti, soprattutto quello sull’apertura per le persone LGBTQ+, non li sapevo.
    Interessante scoprire come in alcune parti del mondo la percezione del corpo, dell’interazione e della sessualitá siano cosí diversi!! 😀

  2. Ciao Angi! Bellissimo questo articolo!
    Come sai la cultura asiatica a noi piace da morire, anche perché l’abbiamo studiata e vissuta. Io ti rispondo dal punto di vista cinese visto che sono stata là un anno e qualcosina ho capito ahaha
    Insetti: in Cina, soprattutto ai mercati notturni, di spiedini con insetti è pieno e a Pechino c’è un’intera via dedicata solo a quello, però sono una cosa turistica diciamo, non è il cibo da tutti i giorni, tant’è che costano tanto e mentre li provavamo tanti cinesi si sono avvicinati per farci l’in bocca al lupo perché erano disgustati anche loro ahah
    Pelle bianca: non smetto mai di ridere quando ripenso alle loro facce nel dire “Come sei abbronzata!” E no, non era un complimento.
    Inglese: lasciamo perdere va
    LGBT: in Cina come in Giappone puoi esserlo, ma meglio se non lo dici o non lo dai a vedere, se non per le star che appunto sono un caso a parte (inspiegabilmente)

    Un abbraccio!

  3. A proposito di pelle chiara: una volta al ristorante cinese la cameriera mi ha fatto complimenti per la mia pelle chiara. Ehh… so che per lei è una bella cosa ma io non sono proprio contenta della mia pelle nordica (leggi: bianca fantasmica) haha

  4. Interessante la questione della pelle chiara. Ricordo in Thailandia ogni tassista/guidatore di tuk tuk/persona con cui parlavamo diceva sempre al mio compagno “she is so beautiful, so white!”, quando in Italia mi prende per il culo pure il cane per il colorito diafano e la pelle color latte. In Cambogia ho visto un po’ di locali comprare degli insetti al mercato notturno, ma non ho visto altro purtroppo/per fortuna.

  5. Credo che mi troverei bene nelle Filippine. Non amo prendere il sole e l’abbronzatura, tant’è che ogni estate tutti mi prendono in giro perché sono bianco come una mozzarella. Anch’io ammetto di non essere un grande amante del contatto fisico con persone con cui non ho confidenza 😀

  6. Alcune curiosità le sapevo già, ma non delle posate 🙂 Tra l’altro in Thailandia che ho girato parecchio ho visto cucinare gli insetti solo nei posti affollati dai turisti quindi non sono ancora così convinta che vengano davvero considerati un cibo abituale…

  7. Ciao!
    Quando sono andata in Giappone ho visto i prodotti sbiancanti sugli scaffali, così come quelli per far apparire gli occhi più grandi, e questa cosa mi ha colpita molto. Sapevo che lo standard di bellezza era diverso, ma non pensavo esistessero prodotti per sbiancare la pelle, anche se avrei dovuto aspettarmelo, visto che da noi ci sono le creme abbronzanti!
    Un post davvero interessante, l’ultima curiosità è da tenere ben a mente 🙂

  8. Che bello il tuo articolo… molto interessante. La conoscenza di tradizioni e culture differenti spazza via il pregiudizio! Ho deciso con la mia pelle pallida di trasferirmi nelle Filippine… Soprattutto d’estate dato che non riesco ad abbronzarmi!!!

  9. Grazie per queste curiosità! È davvero interessante entrare a contatto – più a fondo – con una cultura così lontana da noi.
    Per quanto riguarda la pelle chiara, comunque, siamo noi italiani quelli strani. Perché da sempre la pelle chiara è sinonimo di bellezza e nobiltà perché, come tu stessa hai detto, un tempo coloro che avevano la pelle scura – abbronzata – erano servi, lavoratori, coloro che praticavano mestieri umili – come il lavoro nei campi. Mentre i nobili avevano la pelle setata. Quindi, diciamo, siamo noi italiani ad andare controcorrente. E anche un po’ i californiani 😝😂

  10. Un post utilissimo per chi deve affrontare il primo viaggio nel sudest asiatico. Leggendolo rivedo tutti i quesiti che mi sono posta e gli usi che ho conosciuto durante i miei viaggi. Ora li applico con i clienti asiatici che ospito nel mio hotel, ma anche lì non si finisce mai di imparare 😉

  11. Sapevo della questione della carnagione ed anche del contatto fisico. Com’è vario e diversificato il mondo se ci pensi. Basti pensare a quanto noi italiani spendiamo in lampade abbronzanti 😉

  12. Durante il mio viaggio alle Maldive ho incontrato diversi cinesi (Capodanno) e TUTTI erano in spiaggia con tshirt e pantaloncini fino al ginocchio. In acqua restavano a riva con il giubbotto di salvataggio!
    Certo buffo, mi sono chiesta perchè avessero scelto quella meta per le loro vacanze se non amano il sole ma in fondo ognuno ha diritto di fare i viaggi che preferisce!

  13. Con quest’articolo mi hai aperto un mondo! Soprattutto mi colpisce la cosa del contatto fisico. Sapevo che agli orientali dava fastidio e mi ha fatto riflettere la tua considerazione su Pechino Express e la mancanza di tatto dei turisti di questo tipo. E poi la pelle… Quasi quasi la sbianco anche io e mi oppongo alla massa italica 😂

  14. Grazie di questo post, sono sempre incuriosita dalle differenze culturali e mi interessa molto capire le ragioni dei comportamenti delle persone! La storia della pelle bianca c’era anche da noi fino al secolo scorso quando si lavorava la terra ed i ricchi, per distinguersi, andavano in giro con gli ombrellini, mentre ora chi è ricco ha i soldi per non stare in ufficio ed andare ad abbronzarsi! Molto interessante!

  15. Considerata la mia texture di pelle nelle Filippine non avrei problemi 😅
    Sempre bello conoscere alcune tradizioni e aspetti particolari di una cultura, sono cose che nessuna guida (cartacea) ti dirà mai!

  16. Angy, con questo articolo ti sei superata. Ho amato l’ironia con cui hai trattato tutti gli argomenti e per quanto io sia per metà marocchina (e quindi africana) ho ritrovato lo stesso modo di porre le domande ( una volta mi hanno chiesto se in Marocco ci sono le case o le capanne e un’altra volta son riuscita a far credere ad una ragazza che nel deserto si dorme in igloo protette da tende perché di giorno fa caldo ma di notte l’escursione è così forte che fa freddissimo…).
    Che poi io molte domande non me le sono mai poste perché comunque abituata ad un paese dove (per cultura e religione più che per bellezza) si fa il bagno vestiti! Davvero un articolo interessantissimo che mi ha fatto sorridere.
    Grazie per avermi allietato la giornata 😀

  17. Interessante, avendo viaggiato molto in Asia ho scopreto queste realtà dal vivo e ricordo ancora il mio stupore quando ho visto un funerale a Bali in cui tutti cantavano e ballavano e una bellissima ragazza di tutto punto che sgranocchiava una cavalletta fritta nelle strade di Bangkok, ed è proprio per questo che amo il mondo e viaggiare perchè apre la mente tantissimo!

  18. Molto interessante! Ora sono pronta per il mio primo vero viaggio in Asia! A luglio andrò a bangkok con la family… non vedo l ora 🙂

  19. Molto interessante! Sapevo della pelle bianca vista come canone di bellezza femminile (in Giappone vedi le donne andare in giro con delle visiere da saldatrici per riparare il viso e hanno anche delle maniche da applicare sopra alle braccia..sì, perchè sotto hanno la maglietta a manica corta -_-“).
    Per quanto riguarda le persone LGBT non credevo che fossero tanto aperti.

  20. Non ti nascondo che io dell’Asia non sono particolarmente esperta, come meta non mi ha mai attirato.
    Quindi queste curiosità ne conoscevo solo in minima parte, e sono contentissima che tu ne abbia scritto perchè sono interessantissimi. Non c’entra molto, ma mi è venuto in mente che mia mamma diversi anni fa andò in Albania, ed anche lì le dettero un ombrello per ripararsi dal sole perchè era troppo abbronzata, e solo gli “zingari” hanno un colore molto forte. Delle creme sbiancanti però ignoravo l’esistenza, mi immagino i tuoi parenti che ti rincorrono xD

    1. Ciao Cele <3
      La scena dei parenti che mi rincorrono con sapone sbiancante o borotalco è routine ad ogni ritorno ormai haha.
      Ma pensa! Non è necessario allontanarsi di moltissimo per riuscire a trovare differenze.
      Grazie per essere passata <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto