Varsavia: istruzioni per l’uso per una città bomboniera

Varsavia: istruzioni per l’uso per una città bomboniera

“Ma cosa vai a fare a Varsavia?” chiedevano i miei amici che si ponevano tra la titubanza e un grosso punto di domanda che aleggiava sulla parola “Polonia”.
Come abbiamo già spiegato nel precedente post, dove potete trovare anche il video, Varsavia è stata una meta che abbiamo prenotato insieme a Valencia. Chi ci conosce da un po’ sa che noi siamo amanti della Spagna, quindi inevitabilmente non potevamo non essere piu’ impazienti di vedere la città spagnola piuttosto che quella polacca.
Siamo partiti svestiti di qualsiasi aspettativa e indossando una voglia di partire al di sotto rispetto ai nostri soliti standard. Non fraintendeteci, avevamo curiosità nei confronti di questa nuova fetta di cielo ma non così tanto da fare i countdown come al solito.


Nei giorni precedenti molte persone, dopo aver conosciuto la destinazione dell’imminente viaggio, ci spiegavano con entusiasmo crescente la bellezza polacca. E solo dopo averla vista, ci siamo accorti di avere lo stesso entusiasmo di coloro che ne parlano come una dolce sorpresa.
Forse non è corretto dire dolce sorpresa, perchè quando si parte senza nessuna aspettativa per poi stupirsi è come avere un incidente frontale tra le tue idee e la reale sorpresa a causa della bellezza che si riflette nei tuoi occhi.
Infatti,Giorno dopo giorno, angolo dopo angolo, grattacielo dopo grattacielo i nostri occhi si riempivano di meraviglie disegnando sul nostro volto sorrisi e gratificazione.

 

PERCHE’ ANDARE A VARSAVIA?

La consiglieremmo come meta? Assolutamente si! Nonostante Varsavia sia un luogo che attira tantissimi turisti ogni anno, non si ha proprio la sensazione di essere in una meta di tendenza: al contrario, sembra ancora intatto l’animo di Varsavia che gli abitanti conservano ancora gelosamente.
Probabilmente, il suo animo ancora autentico, a tal punto da stropicciarsi gli occhi e chiedersi se si tratta di una meta turistica, è una di quelle tante sfumature che ci hanno fatto innamorare di questa città.


Vogliamo nuovamente sfatare il falso mito della pericolosità dei paesi dell’est europeo: la tranquillità e sicurezza sia diurna sia serale che caratterizza questa città non la proviamo da tempo neanche a Reggio Emilia.
Hai bisogno di un altro motivo per andare? è a misura d’uomo ma preziosa quasi fosse una bomboniera ed è un idea ottima per un weekend.

Inoltre,ha diverse sfumature, spesso anche contrastanti tra di loro per cui,secondo noi, può piacere a chiunque:infatti, la sua bellezza spazia dalla città vecchia che sembra una bomboniera alla modernità dei grattacieli, al relax del parco piu’ grande di tutta la Polonia.

Non è sufficiente come motivazione? è molto molto molto economico: Siamo andati in un ristorante di lusso con 5 stelle su tripadvisor spendendo solamente 15 euro a testa con primo e secondo! E la cucina polacca merita tantissimo, ma questa è un’altra storia vi raccontiamo più in basso.

COSA VEDERE A VARSAVIA
PALAZZO DELLA CULTURA


Il nostro viaggio alla scoperta di Varsavia è iniziata con lo scontro immediato con il simbolo di Varsavia che riempiva sempre di più i finestrini del Modlin bus mentre stava giungendo a destinazione.

Per noi questo simbolo equivale al “ciao” e “all’arrivederci” che Varsavia ci ha posto come una signora elegante con buone maniere di padrona di casa: infatti abbiamo utilizzato il bus come collegamento di cui puoi trovare più informazioni in basso in questo articolo.

Noi abbiamo dedicato un’ampia fetta della prima giornata (e non solo) a questo angolo di Varsavia e l’abbiamo ammirata con gli occhi sognanti, quasi fossimo bambini, vestita delle sfumature del tramonto ma anche dalle luci serali.


È possibile salire con l’ascensore al 30esimo piano ma personalmente il panorama non ci ha fatto impazzire: infatti così come il panorama dalla tour Effeil di Parigi non sembrava lo stesso senza il suo simbolo, quello di Varsavia pur essendo caratterizzato dai grattacieli della parte moderna sembrava più povero e spoglio.

CITTA’ VECCHIA


Appena digiti su Google il nome della città polacca ti appariranno, tra le immagini, quelle dei colori vivaci e vivi della città vecchia: dal castello alle casette colorate circostanti, dalla piazza del mercato ai resti marroni delle vecchie mura della città.

Appena arrivi alla città vecchia, ti senti catapultato in un cartone animato che racconta la storia di una fiaba o una favola e quasi attendi che compaia una carrozza di quelle dei classici Disney!

Ti consigliamo di perderti tra i vicoli e le stradine di quest’angolo della città, come via Piwna, dove c’è il contrasto tra palazzi neoclassici e barocchi per respirare l’anima vecchia ed autentica della città.

Non perderti la magnifica vista dalla Old town ovest terrace: la torre gialla che si pone di fronte alla Piazza del castello!


Inoltre, ci teniamo a segnalarvi che in tutta Varsavia potrete trovare solamente qui i vostri souvenir da portare a casa in quanto nelle altre zone è molto raro trovare negozi di souvenir!

Se siete stati rapiti come noi dai dolci che vengono chiamati “trdllò” a Praga, “kurtoskalacs” a Budapest, potrete trovarli anche qui nella città vecchia! Dove? Nella via tra le rovine delle mura e la piazza del mercato!


PARCO LAZIENKSI

No, non saltare immediatamente alla successiva cosa da non perdere assolutamente solo perchè hai letto “parco”, perchè più che un parco si tratta di un vero e proprio museo all’aperto, che ti teletrasporterà in diversi angoli del mondo in un solo luogo a costo zero: dai templi cinesi a quelli grechi, dal palazzo sull’isola alla vecchia orangerie. E tanto altro!


Oltre alle strutture, potrai anche ammirare tantissimi animali che popolano questo parco ed in particolare potrai dare da mangiare agli scoiattoli polacchi!


MANGIARE PIEROGI


Un viaggio in Polonia per noi equivale alla dipendenza assurda che è nato nei confronti dei pierogi: potremmo definirli come una mezza via tra tortelli emiliani e ravioli cinesi che rapirà immediatamente il tuo palato!

Puoi trovarli sia bolliti che fritti ma ti consigliamo assolutamente di provarli fritti perchè più croccanti e serviti su un tappeto di soffritto che ti manderà in estasi!

Possono avere diversi ripieni ma quelli che più buoni, secondo noi, sono quelli con la carne.

Premettendo che non abbiamo nessuna collaborazione in atto con questo ristorante, ti vogliamo indirizzare in quello che era, per nostra fortuna, di fianco al nostro hotel che è a 5 stelle su 5 come recensione su internet ed ha vinto numerosi premi per diversi piatti: si trova in Piazza Konstytucy e si chiama wiesz co zjesz. Se andrai qui, prendi assolutamente un secondo di carne e non te ne pentirai! Noi abbiamo optato per tagliata di carne con patate e verdure ed lonza di suino con funghi e patate e ci viene l’acquolina in bocca solo a pensarci!!


SHOPPING

Essendo molto economico il costo della vita, ci aspettavamo che ciò valesse anche per lo shopping ma purtroppo, souvenirs a parte, il costo è all’incirca lo stesso e solo in alcuni casi è inferiore rispetto all’italia ma è una differenza irrisoria. Infatti, la maggior parte dei casi si tratta di 1, 2, 3 euro di differenza.

  • Il più grande Centro commerciale Zlote Tarasy è di fianco all’hard rock cafè e Palazzo della cultura
  • Via nowy swiat e Chmielna
  • Galeria Centrum di fronte al palazzo della cultura.

COME ARRIVARE DALL’AEREOPORTO AL CENTRO

Per esperienza personale possiamo parlarvi solo del collegamento tra Varsavia Modlin e il centro della città.

Ci sono diverse possibilità:

  • Navetta dall’aereoporto e poi treno 40 min circa
  • Modlin Bus dall’aereoporto al Palazzo della cultura.
  • Taxi: 45€ circa a tratta per cui più siete meglio è!

Noi abbiamo optato per la seconda scelta perchè molto più comoda e diretta e non ce ne siamo pentiti!


Avevamo prenotato il biglietto dell’andata in bus il giorno prima, mentre il ritorno l’abbiamo acquistato direttamente in aereoporto di fianco all’uscita.

Acquistandolo online risultavano tutti i bus pieni sino alle 16. Al contrario, una volta giunti davanti al bancone del Modlin bus ci hanno fatto lo sconto per il ritorno ed anticipato il bus all’ora prima!

Prenotandolo online pagherete 33 zloty che equivalgono a circa 7€ mentre prenotandolo in aereoporto avrete un’ulteriore sconto!

Ve lo consigliamo assolutamente perchè il Modlin bus è veramente moderno: uno schermo “ipad” per ciascun passeggero, wifi gratis ottimo e spazi larghi tra un sedile e l’altro!

Inoltre, si tratta di un servizio che è veramente puntuale ed in soli 45 min vi porterà al palazzo della cultura e viceversa!


DOVE ALLOGGIARE

Noi abbiamo alloggiato in MDM hotel che si affaccia sulla Piazza Konstytucy e dà una vista mozzafiato da cui poter ammirare anche il palazzo della cultura in lontananza. È un hotel a 3 stelle ma è talmente curato e spazioso che potrebbe essere considerato a 4 stelle a breve. Inoltre è una posizione strategica per girare la città.

 

Lascia un commento

6 pensieri riguardo “Varsavia: istruzioni per l’uso per una città bomboniera

  1. Caspita ragazzi, pensavo peggio. Invece sembra bellissima!
    In Polonia ci sono anche altre città che ispirano tanto.. Breslavia, Cracovia, Danzica. Da qualche parte avevo letto di Varsavia come una città un po’ anonima, ma così non sembra proprio!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *