I cibi più buoni da assaggiare in viaggio

I cibi più buoni da assaggiare in viaggio

AVVERTENZA:
Vi invitiamo a provare questi cibi tipici ma è consigliato preventivamente
salutare, per sempre, la parola autocontrollo dal vostro vocabolario.
Pertanto è consigliata la visione ai minori solo se accompagnati da adulti.

In molti viaggi, ancora prima di lasciare il cuore in una città, lasciamo lo stomaco: infatti molte città ci hanno conquistato, come le nonne comandano, per la gola.
Non solo scatta il colpo di fulmine ma una vera e propria dipendenza, verso i cibi che amiamo di più in viaggio, a tal punto da rischiarne l’indigestione in viaggio e. una volta ritornati a casa, ricercarli disperatamente nei negozi alimentari e nelle fiere più importanti.

Per intenderci, solamente a pensare alla lista che vi attende qui in basso, già ci è venuta l’acquolina in bocca e gli effetti fisiologici dell’astinenza hanno iniziato prepotentemente!

PAELLA

img_0771

Chiunque conosce la paella, il piatto di riso più famoso al mondo e condito, a seconda della tipologia, con carne di pollo o pesce, fagioli, legumi, piselli, melanzana e tanto altro!

Non esiste solo la versione gialla di questo piatto tipico spagnolo: infatti nel nostro viaggio a Valencia abbiamo provato la versione nera al nero di seppia.
Inutile descrivere l’estasi in cui ci ha portato!

Solamente una volta, abbiamo esitato e buttato miseramente un piatto di paella marisco palesemente cattivo con gamberi di colorito sospetto verde testimoniato dalle foto sottostanti.

 

TRDLLO

Questo dolce tipico, fatto di pastella arrotolata forata al centro e senza farcitura, può essere rivestito con diverse possibilità a seconda dei gusti: nutella, nocciole, cannella, mandorle, zucchero, vuoto.

Non ha un paese esclusivo di appartenenza ma è presente praticamente in tutto l’Est Europeo: In Repubblica ceca viene chiamato Trdllo; in Polonia viene chiamato trdelnik e chi ne ha più ne metta!

image
Trdlo – I cibi da assaggiare in viaggio

img_6509

PYTA GYROS

Il Pyta Gyros assomiglia al kebab ma, allo stesso tempo, è molto diverso perché è fatta di carne di maiale grigliata, verdure, spezie buttate generosamente a cascata e un pane morbidissimo fresco.

Già dal primo morso, i vari sapori abbracciano le papille gustative generando dipendenza.

Inoltre, è estremamente economico: con solo 2 Euro vi riempirete come involtini cinesi.

Pyta Gyros
Pyta Gyros – Piatti da non perdere assolutamente in viaggio

INVOLTINI & SPAGHETTI DI RISO

A proposito di involtini, non potevo non inserire il cibo filippino in questa lista!
Nelle Filippine, esistono due tipologie di involtini: quelli alle verdure e quelli di carne e quelli misti.
Non abbiamo ancora capito quale preferiamo ma nel dubbio le mangiamo entrambe!

Non appena captano la presenza di occhi asiatici, subito mi chiedono dei piatti tipici tra cui spiccano, per conoscenza generale, gli spaghetti di riso.
Nel paese del sorriso ci sono diversissimi modi di farli in quanto nasce come cibo da street food, così come la maggior parte dei paesi del continente del sol Levante, eppure il nostro preferito è il Palabok: si tratta di un piatto di spaghetti di riso trasparenti avvolto da un sugo arancione ed accompagnato da gamberi freschi, cicharon, verdure miste.
È magia pura, ve lo assicuriamo!

Approfondirò meglio riguardo alla cucina filippina, non conosciuta da molti e generalizzata da tanti altri sotto l’etichetta “asiatici”, in uno dei prossimi articoli. Promesso!

pancitpalabok2

 

PIEROGY ROSKY

Wow. Wow. Wow.

Questi ravioli ripieni di carne possono essere sia fritti sia bolliti ma, immancabilmente, saranno sempre accompagnati dalla fedele pancetta.

Li abbiamo provati entrambi ma preferiamo, purtroppo per la prova costume, la versione fritta perché il rumore della crosta tra i denti prima dell’esplosione del ripieno è musica per le nostre orecchie.

Buona anche la versione bollita, ma il fritto è superiore.
Provare per credere!

img_6437img_6439

CIBO SLOVACCO

Lo dobbiamo ammettere: non siamo preparati su questo argomento perché, quando siamo andati a Bratislava, abbiamo preso un tris di primi e, appena il cameriere ha appoggiato i vassoi presentandoci per nome i piatti, ci siamo isolati mentalmente e l’abbiamo totalmente ignorato presi dalla fame.

Sappiamo solo dirvi che si tratta di piatti di riso con latte di capra molto saporiti, immancabili ravioli già sopracitati!

IMG_5744-0
Tris piatti Slovak pub destinazione mondo 20

Ci sono dei piatti, che secondo voi, non bisogna perdere assolutamente?

10 pensieri riguardo “I cibi più buoni da assaggiare in viaggio

  1. La cucina tipica è uno dei motivi principali per cui è interessante viaggiare!
    Ps. Le tue fasi del “disgusto” in quelle foto sono top!!! 😂

  2. Quando sono tornato dall’Andalucia, avevo le crisi d’astinenza da Paella, tanto che ho cercato la ricetta e ho iniziato a cucinarla a casa. Il trdelnik a Praga…che dire? Non so quanti ne ho mangiati; e quando ci penso, sento ancora il profumino che si sentiva per le strade di Praga <3

  3. Leggere questo post prima di pranzo, sapendo che probabilmente non pranzerò, è palesemente da persona autolesionista!
    Bella questa carrellata di cibo nel mondo, ho preso nota dei piatti che avete assaggiato a Bratislava, perché vorrei andare a Capodanno 😉
    OMG Engi: impagabili le tue espressioni mentre mangi la “paella incriminata”! Sei fortissima 😂😂😂
    Bacioni,
    Claudia B.

  4. Come vi capisco, anche per me il cibo è uno degli elementi principali di un viaggio.
    Una delle cose più buone che abbia mai asaggiato sono senza dubbio i koldūnai in Lituania. Sono dei ravioloni ripieni con un sughetto fatto di panna acida e burro e cipolla e dadini di pancetta abbrustoliti sopra… ingrasso al solo pensiero, ma erano divini!
    La paella è un altro dei piatti che preferisco, per mia fortuna ne ho sempre mangiate di ottime.
    Con il trdlo invece ho un rapporto un po’ controverso… mi fa “innervosire” il fatto che molti venditori di Praga lo spaccino per piatto tipico, quando invece è assolutamente ungherese. Così i visitatori vanno dritti su quello, non assaggiando i dolci che fanno realmente parte della tradizione ceca. Scusate la disgressione 😀 E se tornate in Repubblica Ceca, assaggiate gli ovocné knedlíky 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *