Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018?

Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018?

Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018? Tutti i nostri consigli pratici sull’evento annuale di Reggio Emilia


Abbiamo sempre adorato la fotografia perché è in grado di veicolare i messaggi in maniera immediata e semplice senza bisogno di preparazioni culturali in particolare.

La fotografia per noi è un linguaggio semplice ed universale che supera i confini geografici unendo differenti culture sparse nel mondo.

La fotografia per noi è un attimo congelato nel mondo e rubato dallo scorrere del tempo con il fine di comunicarlo a chi sa e vuole ascoltare.

La fotografia per noi è qualcosa che tocca diverse corde dell’anima e diversi pezzi della nostra storia personale traendo differenti visioni: infatti, se diverse persone guardassero la stessa identica foto ne ricaverebbero diverse sensazioni ed emozioni.

Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018?

Proprio per questa nostra concezione della fotografia, quando abbiamo scoperto qualche anno fa dell’esistenza dell’evento annuale di fotografia europea proprio nella nostra città si è scaldato il nostro cuore.

I residenti aprono le porte alla fotografia e all’arte mettendo a disposizione i loro spazi privati e pubblici per accogliere le diverse mostre. Le strade si riempiono di turisti alla scoperta degli scatti e degli angoli della nostra città rendendoci una volta all’anno fieri di lei come un genitore con i suoi bambini.

Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018? Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018?


COS’È LA FOTOGRAFIA EUROPEA?

Fotografia Europea è un’evento a cadenza annuale che si tiene a Reggio Emilia indicativamente nel periodo tra fine Aprile e metà Giugno.

Si tratta di una celebrazione della fotografia in se stessa che unisce differenti artisti legati da un’unico tema da seguire stabilito dal direttore artistico. Quest’anno il tema scelto consiste in “Rivoluzioni, ribellioni, cambiamenti ed utopie”. È stato veramente bellissimo vedere come da queste frasi i differenti artisti siano riusciti a creare e mostrare sfumature e significati diversissimi tra di loro.

Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018? Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018?

La Fotografia Europea comprende un insieme di mostre sparse in diversi angoli della città e si suddivide in due circuiti principali:

  • il circuito istituzionale (che noi residenti usiamo chiamarla ON), con sedi nel centro storico della città, è organizzato dalla direzione scientifica e promosso dal palazzo Magnani e dal comune di Reggio emilia. Le mostre di questo cicuito sono a pagamento.
  • il circuito OFF con sedi sia nel centro storico sia al di fuori delle mura. Si tratta di mostre gratuite che partono dal basso: cioè fotografi ed appassionati si accordano direttamente con i proprietari delle sedi. Fondazione Magnani premia il progetto migliore ma non interviene nelle singole mostre.

Fotografia Europea 2018 comprende, se consideriamo solamente il circuito ON, in totale 22 mostre distribuite in 13 sedi differenti del centro storico. A questi 22 bisogna aggiungere un alto numero di mostre del circuito OFF sparsi negli spazi privati del centro storico e fuori da esso.


QUANTO TEMPO SERVE PER VISITARE

FOTOGRAFIA EUROPEA 2018?

Noi abbiamo deciso di fare una maratona delle mostre focalizzandoci solamente sul circuito ON per motivi logistici e lavorativi. Sempre per ragioni lavorative, abbiamo partecipato ad una sola mostra del circuito OFF di cui vi parleremo nelle seguenti sezioni.

Se come noi, hai a disposizione solo una giornata ti possiamo suggerire quali sono le mostre assolutamente da non perdere per organizzare al meglio il tuo tempo.


INFORMAZIONI UTILI PER

VISITARE FOTOGRAFIA EUROPEA

 

Prima di iniziare a parlare delle mostre vogliamo avvisarti che:

  • è possibile visitare le mostre del circuito ON solo il venerdì, sabato, domenica e i festivi dalle 10 alle 19 (o alle 20 a seconda della mostra). Solamente la mostra presente alla biblioteca Panizzi è visitabile anche durante la settimana.
  • le biglietterie sono situate a Palazzo Magnani (via corso Garibaldi 29) e Banca d’Italia (Piazza martiri del 7 Luglio 1).
  • Costo: 15 Euro biglietto intero e 12 Euro biglietto ridotto. Il biglietto acquistato consente di accedere a tutte le mostre ed è valido dal 20 Aprile al 17 Giugno.
  • RIDOTTO € 12,00 valido per: Ragazzi dai 13 ai 25 anni, over 65, persone con disabilità, gruppi composti da almeno 15 persone, YoungER card, tessera Cral Comune di Reggio Emilia, tessera Amici della Fondazione Palazzo Magnani, tessera Amici dei Teatri, iscritti al Club Skira, dipendenti Iren, clienti club Iren, dipendenti Coop Alleanza 3.0, tessera socio Coop Alleanza 3.0, biglietto CSAC, biglietto FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE, soci IgersItalia, tessera Arci, soci Proteo – Credito Emiliano

QUALI MOSTRE VISITARE A

FOTOGRAFIA EUROPEA 2018?

 

SEVEN SEAS AND A RIVER

(Banca d’Italia, piazza martiri del 7 Luglio 1)

Varcata la soglia della banca d’Italia, entrerete in una stanza coperta da un sipario che rende ancora più intima questa visita. Infatti, al suo interno troverete una videoinstallazione che conta otto schermi che trasmettono in diretta streaming otto diversi specchi d’acqua provenienti da differenti punti del mondo. In particolare vengono ripresi i confini dell’Oceano Pacifico, nell’Oceano Nord-Atlantico, nel Mare di Barents, nel Mare Adriatico, nel Mare dei Caraibi, nel Mare Celtico, nel Golfo della Tailandia e nel fiume Saint Lawrence in Quebec.

Rimane impressa perché innanzitutto si tratta di una mostra che non ha a che vedere con fotografie e per il significato che ne ha dato l’artista belga. L’acqua è un elemento che cambia anche nell’arco di una sola giornata ed in alcune parti del mondo in passato il suo mutare ha segnato anche la storia (come per esempio con tsunami).

Noi siamo tornati tre volte in orari differenti: infatti è stata la prima mostra e l’ultima che abbiamo visto approfittando della vicinanza del parcheggio della macchina; la terza volta abbiamo controllato per curiosità come bambini impazienti di vedere cosa effettivamente volesse comunicare l’artista.

Abbiamo visto il cielo infiammarsi dei colori dell’alba e del tramonto.

Abbiamo visto il progredire ed il ritirarsi del via e vai delle persone e della marea stessa.

Abbiamo visto un viaggio a costo zero.

Vi consigliamo di fare altrettanto ed utilizzarla come punto di partenza e di chiusura del vostro percorso: infatti questo vi permetterà di poter vedere quanto effettivamente questo elemento possa mutare nei colori e nelle forme durante il giorno e la notte.


ICONIC CHINA – LUCA CAMPIGOTTO

(Sinagoga, via dell’Aquila)

Lo ammettiamo.

Noi siamo di parte.

Questa mostra è stato un altro viaggio a costo zero.

Sì, uno di quelli da cui non riesci ad andartene perché ne rimani incantato.

L’artista ci prende la mano conducendoci in un viaggio nel tempo per sottolineare i cambiamenti e differenze a partire dalla Cina del passato per poi arrivare a quella del presente.

Assolutamente da non perdere.

Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018? Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018?


MOTHERLAND – DANILA TKACHENCKO

(Via secchi 11)

La fotografa russa ha puntato l’obbiettivo della sua macchina verso i villaggi abbandonati nelle campagne della Russa. Nel paese ci sono più di 350mila villaggi che non vedono più l’ombra umana abitarli da tempo ed che vengono lasciati a se stessi in balia del deterioramento del tempo. Un’installazione, secondo noi minimalista, ma che colpisce nel segno e fa riflettere.

Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018? Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018?


NEL SOFFIO DELLA STORIA – ELIO CIOL

Il fotografo ha immortalato le rovine delle città archeologiche per comunicarci il mutamento che sta avvenendo nella società e nel corso del tempo.

Noi abbiamo particolarmente apprezzato questa mostra perché a differenza di altre ha saputo improntare il suo significato sulla semplicità: infatti, riteniamo che alcune mostre abbiano richiesto  uno sforzo innaturale nei confronti di una foto per comprenderne i significati.

Come diceva un nostro amico caro, il pericolo dell’arte dei nostri giorni è che mangi l’arte stessa.

Questo Elio Ciol non lo ha proprio fatto.

Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018? Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018? Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018?


SPECIALE DICIOTTOVENTICINQUE (via secchi 11)

 

Nella stessa sede di “Motherland” potrete trovare il progetto diciottoventicinque. Questa mostra è stata creata da ragazzi giovanissimi che hanno saputo cogliere i cambiamenti della società innescando riflessioni importanti.

Vedere il mondo attraverso l’occhio di ragazzi giovani più giovani di noi fa riflettere tantissimo.

Vi consigliamo in particolare:

  • la sezione che trovate sulla prima parete sul ruolo dell’uomo e della donna al giorno d’oggi
  • La stanza dedicata alla censura nelle foto che potete trovate sulla sinistra.
  • il libro, situato in un angolo a destra di fronte alla stanza della censura, che mostra la distanza tra i social, stampa e la realtà.

Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018? Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018? Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018?


ART PHOTOGRAPHY IN IRAN

(Chiostri di San Domenico, via Dante Alighieri 11)

 

Questa mostra vi permetterà un viaggio a costo zero in cui 10 fotografi iraniani vi prendono e vi porteranno ad immergervi nella storia dell’Iran.

In particolare, i loro scatti vi parleranno silenziosamente dei cambiamenti a livello politico, sociale e dello stile di vita.

La stanza che abbiamo amato di più è quella dove si trovano i pannelli giganteschi di Niedermayr che ci hanno teletrasportato in un pezzo di Iran.

Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018? Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018?


CIRCUITO OFF

Fotografare le emozioni: il cambiamento attraverso la malattia oncologica

(Biblioteca San Pellegrino “Marco Gerra”, via rivoluzione d’Ottobre 29)

Noi siamo riusciti a partecipare solamente a questa mostra del circuito OFF perché per motivi lavorativi ho collaborato e partecipato nel laboratorio esperienziale rivolto ai pazienti oncologici e i loro familiari del reparto CORE dell’Arcispedale del Santa Maria. La mostra ha declinato il tema principale della fotografia europea nel cambiamento durante la malattia.

Ai partecipanti era stato affidato il compito di catturare in scatti un sentimento a loro assegnato in maniera casuale tra rabbia, paura, gioia, tristezza e sorpresa.

Vi possiamo assicurare che gli scatti e i sentimenti che i pazienti hanno tirato fuori sono stati abbracciati da positività e emozioni fortissime.

Vi consigliamo di andarla a vedere assolutamente.

Oltre alle foto incastrate tra i libri e sulla superficie dei tavoli,  potrete trovare anche tre video che vi regaleranno una cascata breve ma intensa di parole indelebili. Un fiume di parole concentrate da parte di chi in situazioni difficili ha saputo prendere tutti gli aspetti positivi e li ha riversati proprio qui alla mostra.

Quali sono le mostre più belle del circuito on e off Fotografia europea 2018?

Al contrario delle altre mostre che fanno parte del circuito OFF, questa mostra sarà disponibile fino al 17 Giugno.

L’unico avvertimento che vogliamo darvi è che, data la sua collocazione all’interno della biblioteca, gli orari di apertura coincidono con questa.

Vi lasciamo gli orari della biblioteca proprio qui sotto.

 

Lunedì, Mercoledì e Venerdì: dalle 14.40 – 19.00

Martedì e Giovedì dalle 9.00 – 12.30 & 14.40 – 19.00

Sabato: 9.00 – 12.30

Domenica: chiusa

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto